martedì 24 aprile 2018

Guccini in piazza San Pietro

Gianni Morandi, invitato a cantare in piazza San Pietro, ringrazia calorosamente Francesco.

venerdì 6 aprile 2018

"Migranti" nuova canzone di Guccini

"Anche noi a Pàvana abbiamo gli extracomunitari, ma da noi sono integrati. L'anno scorso dei marocchini hanno vinto la gara di briscola del paese: invece di farsi i segni si parlavano in arabo. Però il prosciutto che gli avevano offerto come trofeo non l'hanno mangiato".

Questo il testo:

Andavamo che non era ancor giorno la bocca piena di sogni e dolore Lasciavamo in un niente di ore lì attorno una casa di gente e di amore e una terra da infami, di sassi e di rabbia La miseria attaccata alla pelle come una scabbia ma nei petti gonfiava un respiro che volava in giro come una danza E andavamo nel mondo America, Europa! Dovunque ci fosse uno spazio Comunque sapendo di andare a soffrire per vivere e ricostruire Mescolando al sangue la storia per creare una nuova e vitale memoria In un turbinio di speranza di vita futura lavoro di gioia per noi a decine a migliaia per noi così in tanti.. per noi niente nessuno, per noi emigranti. E partiamo per caso, per sorte su quei gusci di noce affollati di scafisti violenti di umanità nuda donne, vecchi, bambini e di morte un confuso partire ignoto l’arrivo Non più l’ora od il giorno ma si arrivi e da vivo Ma nei cuori si allarga un respiro che ci spinge ad andare, ad osare sul mare Tra paure e gli stenti di quel mare mai visto Ma stringendo un sogno fra i denti: che qualcuno lontano ci accolga, ci tenda una mano a noi supplicanti, A noi meno di niente, nessuno.. noi diversi di pelle e cultura Noi che siamo anche forse il futuro a noi immigranti E veniamo da un mondo di guerra e di fame dovunque E cerchiamo una patria comunque per tornare a sperare, per vivere ancora E veniamo da un mondo di guerra e di fame dovunque E cerchiamo una patria comunque per tornare a sperare, per vivere ancora e ricominciare.

venerdì 16 febbraio 2018

Pàvana sotto la neve

IL RITORNO DI DEBORAH KOOPERMANN ALLE DAME

Sabato 17 febbraio, ore 21,15. A distanza di 33 anni dalla sua ultima esibizione, torna sulle tavole delle Dame la storica chitarrista di Francesco Guccini. Una strumentista e una vocalist di livello assoluto che, giunta in Italia alla fine degli anni ’60 (dopo gli incontri al Greenwich Village con Bob Dylan e Joan Baez), ha portato con sè il primo finger picking ascoltato dalle nostre parti, divenendo ben presto un punto di riferimento e anche un’insegnante per una intera generazione di chitarristi, non solo bolognesi. INGRESSI: Per partecipare all'evento è sufficiente essere socio di "Osteria delle Dame - Associazione culturale" (v. come associarsi su www.osteriadelledame.it) e quindi - considerata la capienza ridotta del locale - inviare una mail di prenotazione a info@osteriadelledame.it